Roscigno Vecchia: Un antico borgo del Cilento fermo nel tempo.

Roscigno Vecchia (Salerno)Roscigno Vecchia (Salerno)

Se qualcuno mi chiedesse come definire Roscigno Vecchia,  io lo definirei come un antico borgo del Cilento fermo nel tempo.

Fontana di Roscigno Vecchia, simbolo del centro storico

Fontana di Roscigno Vecchia, simbolo del centro storico

Questa è la sensazione che prova il turista che vede per la prima volta il centro storico del comune di Roscigno, in provincia di Salerno.

Il colpo d’occhio della maestosa piazza di Roscigno Vecchia, piazza Giovanni Nicotera, è stupendo.

Non è un caso che, ancor oggi, la piazza ed i vicoli di Roscigno Vecchia continuano ad ispirare fotografi, giornalisti, film-makers, registi cinematografici e scrittori provenienti da tutte le parti d’Italia e del mondo.

Sono poche, infatti, le ghost town che possono raccontare con le immagini una storia eccezionale ed unica come quella di questo antico borgo contadino del Cilento nel sud Italia.



Oggi il comune di Roscigno si divide in due frazioni: Roscigno nuovo, nato dopo l’abbandono obbligato dei suoi cittadini agli inizi del ‘900, e Roscigno Vecchia, il centro storico,  completamente disabitato, cristallizzato agli inizi del ‘900, e visitato annualmente da migliaia di turisti.

La popolazione della vecchia Roscigno è stata obbligata ad abbandonare l’antico centro abitato sin dal 1902 anche se, realmente, l’esodo è stato molto lento ed è durato più di 70 anni.

L’emanazione di due ordinanze del genio civile, che fecero seguito alla Legge speciale n. 301 del 7 luglio 1902 e la legge n. 445 del 9 luglio 1908, costrinsero una parte della popolazione al trasferimento e a costruire nuove abitazioni un km più a monte in Roscigno nuovo.

Chiesa San Nicola di Bari nella piazza di Roscigno Vecchia

Chiesa San Nicola di Bari nella piazza di Roscigno Vecchia

Al centro di piazza G. Nicotera si può vedere la maestosa chiesa madre dedicata a San Nicola di Bari, settecentesca, ed un pò più in là l’antica fontana, simbolo del centro storico, e “Casa Dorina”, l’abitazione dell’ultima abitante che è vissuta a Roscigno Vecchia.

La chiesa di San Nicola è stata ricostruita completamente a seguito di un incendio avvenuto la notte di natale del 1774.

I turisti che visitano Roscigno Vecchia, nei periodi di minor affluenza, sono i più fortunati perché possono assaporare un’atmosfera magica fatta di pace e tranquillità che bisogna provare per capirla fino in fondo.

Passeggiando per le antiche strade, per gli antichi vicoli e per l’antico centro abitato ci si rende subito conto dell’unicità del luogo.

L'antico passaggio in Roscigno Vecchia della Trazzera degli Stranieri o Via del Pellegrino

L’antico passaggio in Roscigno Vecchia della “Trazzera degli Stranieri” o “Via del Pellegrino”

Ogni angolo di Roscigno Vecchia, infatti, trasuda storia di un mondo contadino che non esiste più e che è difficile  trovare in altre parti del mondo.

Non a caso il centro storico dell’antica Roscigno è un vero e proprio museo all’aperto di una terra di resilienza unica nel suo genere.

In piazza G. Nicotera si possono ammirare: la chiesa madre S. Nicola di Bari, il lavatoio pubblico, le cantine, le case dei contadini, le case e le botteghe degli artigiani e le case dei ricchi proprietari terrieri.

Veduta di Roscigno Vecchia (Salerno)

Veduta di Roscigno Vecchia (Salerno)

A rendere più suggestivo e pittoresco il borgo ci pensano enormi platani secolari e tigli che con la loro ombra rendono meno caldi i periodi più afosi.

Nel centro storico di Roscigno, il turista può ammirare un pezzo di storia della civiltà contadina ancora intatto di un “paese che cammina“.

La cristallizzazione storica della piazza centrale e del centro storico, infatti, è frutto dell’obbligo di abbandono della popolazione a causa della presenza di diverse frane che nel corso dei secoli hanno costretto gli abitanti del luogo a ricostruire nel ‘700 e nel ‘900 le proprie radici in zone teoricamente più stabili e resistenti ai capricci, spietati, della natura.

Roscigno Vecchia è la meta ideale per chi vuole emozionarsi passeggiando e vivendo un passato che non esiste più e per chi vuole ritrovare se stesso lontano dallo stress delle città e dei grossi centri abitati rigenerandosi nella pace e nel silenzio di questa parte del Cilento dove ci si può ancora far coccolare dalla natura incontaminata.

 

FOTO A 360° DI ROSCIGNO VECCHIA

Muovete il mouse sull’immagine tenendo premuto il tasto sinistro e divertitevi a navigare all’interno di questa foto a 360° di Roscigno Vecchia.

Per migliorare la visione di questa foto a 360° potete ingrandirla cliccando sul quadratino in alto a sinistra.